Prodotti

Anziani che vivono da soli in casa: consigli utili per la loro sicurezza

Pubblicato il 22/09/2020

  • 0

Le persone anziane che vivono da sole in casa (ad oggi le ricerche hanno stabilito che sono circa il 5% della popolazione) devono prestare particolare attenzione a diversi tipi di pericoli: dagli incidenti domestici alle truffe, dal rischio più elevato di cadute ai furti, fino a una scorretta alimentazione e una scarsa attenzione alla propria salute.

Ecco una serie di consigli per fare in modo di tutelare al meglio la loro sicurezza all’interno dell’abitazione e il loro benessere, sia fisico che psicologico.

Cadute e incidenti domestici in casa 

È noto che gli incidenti domestici sono ancora più pericolosi per gli anziani, dal momento che quest’ultimi impiegano più tempo per recuperare le capacità motorie e il tono muscolare. Inoltre, questi infortuni possono minare la loro indipendenza e dunque impattare fortemente anche sull’aspetto psicologico – basti pensare alla difficoltà con la quale spesso gli anziani si riprendono dopo la rottura del femore o dell’anca. 

Come dunque rendere più sicura l’abitazione di una persona anziana che vive da sola in casa?

  • Organizzare gli oggetti di uso comune in posizioni facilmente raggiungibili, non troppo in alto o troppo in basso sugli scaffali o in punti nascosti.

  • Liberare il più possibile lo spazio ed eliminare gli ostacoli al movimento, i mobili di intralcio al passaggio, i tappeti, i grovigli di cavi elettrici.

  • Se la casa è dotata di scale fisse, rendere i gradini ben visibili ad esempio con dello scotch colorato e fissare un corrimano, oppure installare un montascale con seduta. È anche possibile installare una striscia LED lungo le scale, che ha la duplice funzione di segnalare eventuali ostacoli e di illuminare le scale al buio. Come ulteriore accortezza, si raccomanda di lasciare libere le scale da vasi, piante e qualunque altro oggetto sul quale l’anziano potrebbe inciampare.

  • Inserire degli appigli sicuri in bagno per aiutare la persona ad alzarsi, come le maniglie nella doccia, e altri strumenti utili a evitare cadute, come i sedili e i tappetini antiscivolo nella vasca.

  • Controllare che gli impianti del gas e dell’elettricità siano a norma, e installare un rilevatore di fughe di gas. Da non dimenticare anche di effettuare un controllo periodico degli impianti rivolgendosi a tecnici specializzati e di verificare che i diversi apparecchi che vengono usati quotidianamente siano alla giusta altezza. È altresì importante assicurarsi che i cavi elettrici siano posizionati in modo da evitare eventuali inciampi. 

  • Installare un dispositivo di sicurezza e/o di videosorveglianza. 

  • Installare un dispositivo di telesoccorso che avvisi tempestivamente i familiari in caso di emergenza.

  • Consigliare alla persona anziana l’utilizzo del bastone anche nei brevi spostamenti all’interno della casa.

  • Verificare che l’illuminazione sia adeguata, in modo da ridurre il rischio di cadute e di inciampi. A questo proposito, può essere utile adottare alcuni semplici accorgimenti, dal riparare lampadine e punti luce che non funzionano correttamente a posizionare luci a LED nei punti particolarmente nevralgici per il passaggio dell’anziano all’interno della casa, come per esempio i battiscopa o le stanze più buie.

  • Eliminare le scalette portatili, troppo instabili per l’equilibrio delle persone anziane.

  • Installare, se necessario, un sistema di aria condizionata o acquistare un buon ventilatore per far fronte all’eccessiva calura estiva.

  • Prevedere un supporto per le pulizie e le faccende domestiche.

  • Anche la pulizia del pavimento è un aspetto da non sottovalutare per agevolare il movimento dell’anziano in casa e ridurre il rischio di cadute. Passare la cera, per esempio, è un’accortezza che nell’abitazione di un anziano andrebbe evitata, perché aumenta le probabilità di scivolare. In alternativa, è possibile ricorrere a prodotti igienizzanti, come un efficace sgrassatore oppure la candeggina, che assicurano un’accurata detersione e al contempo evitano eventuali scivolamenti.

Furti e truffe agli anziani

Spesso, purtroppo, le persone anziane sono vittime di furti, rapine e raggiri, perché ritenute più deboli. Ecco alcuni consigli utili per ridurre il rischio di queste spiacevoli situazioni che, oltre a causare un danno economico, possono nuocere anche dal punto di vista psicologico. 

  • Informazione e prevenzione: è fondamentale che la persona anziana conosca le insidie che si possono nascondere dietro ai falsi operatori di fornitori di gas, elettricità, compagnie telefoniche oppure dietro ai finti corrieri. Consigliare all’anziano di non aprire mai la porta (o di interrompere la telefonata, in caso di una truffa telefonica) se non in presenza di un familiare

  • Se possibile, accompagnare sempre gli anziani a ritirare la pensione o a fare prelievi di contanti al bancomat, per evitare che vengano derubati e per controllare che non ci siano truffatori che possano sottrarre loro la tessera

  • Garantire un supporto alla persona anziana per quanto riguarda la gestione del pagamento delle bollette e, in generale, di tutto l’aspetto economico

  • Installare un dispositivo antifurto nell’abitazione, per garantire una maggiore sicurezza

Solitudine

La solitudine è un fattore di rischio molto forte per le persone anziane, sia dal punto di vista fisico che da quello psicologico: è infatti fortemente sconsigliato lasciare troppo a lungo un anziano a casa da solo, in particolare se egli soffre di perdite di memoria e/o di difficoltà motorie, poiché potrebbe incorrere in incidenti domestici.

La solitudine inoltre spesso induce la persona a non alimentarsi nel modo adeguato, il che aumenta la possibilità di insorgere di malattie, e una poca attenzione alla propria salute e a eventuali sintomi allarmanti. Infine, può ingenerare una più o meno forte depressione. 

Per questo è importante fare in modo che la persona anziana non si senta abbandonata, ma che anzi, senta attorno a sé un supporto della rete familiare, amicale e – se necessario – anche psicologica.

Iscriviti alla Newsletter

Per restare aggiornato su news e offerte

l’informativa