Products

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime novità e offerte

#

Che cos'è la magnetoterapia

Published on 19/03/2019

Sfruttare i campi magnetici a scopo terapeutico: questo è l’obiettivo della magnetoterapia, una tecnica curativa che si basa appunto sull’azione riabilitativa dei campi magnetici per ristabilire la funzionalità delle membrane cellulari.

Per capire bene come funziona la magnetoterapia, tuttavia, bisogna prima sapere cos’è un campo magnetico.

Possiamo definirlo come un’area spaziale in cui agiscono forze generate da un magnete; ora, dal momento che le cellule del corpo umano sono dotate di una carica elettrica – che diminuisce nel momento in cui l’organismo è affetto da patologie – grazie alla magnetoterapia le membrane cellulari vengono ripolarizzate, ristabilendone così l’equilibrio energetico. In altre parole, in presenza di una malattia, le membrane che ricoprono le cellule risultano depolarizzate, causando dolore e infiammazione; le onde elettromagnetiche impiegate nella magnetoterapia restituiscono alle membrane la carica elettrica fisiologicamente corretta, ripristinando così la salute dell’organismo.

I benefici della magnetoterapia

La magnetoterapia offre benefici a livello di muscoli, ossa, articolazioni e sul sistema vascolare, svolgendo un’azione antinfiammatoria e antidolorifica, aumentando la mineralizzazione ossea e la calcificazione di eventuali fratture e migliorando la circolazione sanguigna.

La magnetoterapia, inoltre, aiuta a contrastare l’invecchiamento dei tessuti. Questa tecnica è dunque particolarmente indicata per combattere contro patologie e disturbi quali:

- ernia del disco
- dolori reumatici e muscolari
- osteoporosi
- distorsioni
- edemi
- artrite

Per quanto riguarda le controindicazioni, esistono ma nel complesso sono ridotte a pochi casi specifici: in generale, la magnetoterapia è sconsigliata se nell’organismo sono presenti protesi in metallo o pacemaker, in caso di gravidanza e allattamento o in presenza di ipertiroidismo, tumori o gravi patologie cardiache. Le onde elettromagnetiche, infatti, possono entrare in contrasto con altri dispositivi medici, interferendo nel loro corretto funzionamento.

Modalità terapeutiche

L’efficacia della magnetoterapia si misura con il tempo: una seduta in media dura 30 minuti e, per ottenere i risultati sperati, le onde che cos'è la magnetoterapiaelettromagnetiche dovrebbero essere somministrate quotidianamente, per un periodo compreso dai 15 ai 30 giorni, in relazione ai disturbi da trattare.

La terapia può essere svolta anche a casa, grazie agli appositi apparecchi. Presso Sanitair sono disponibili diversi modelli di apparecchi per magnetoterapia, tutti contraddistinti dal fatto di essere progettati secondo i più elevati standard di sicurezza e affidabilità. Scopri gli apparecchi disponibili in questa pagina

Apparecchi per magnetoterapia domestica

Sul mercato sono disponibili diversi apparecchi per magnetoterapia domestica e per i consumatori non è sempre facile scegliere il dispositivo più adatto alle proprie esigenze. I parametri da valutare prima dell’acquisto, infatti, sono numerosi: dalla tipologia di apparecchio al numero di programmi di cui è dotato fino, naturalmente, all’aspetto prettamente economico.

Un criterio fondamentale per la scelta consiste comunque nell’assicurarsi che gli apparecchi per magnetoterapia siano dotati della certificazione CE del Ministero della Salute per i dispositivi medici, garanzia dell’affidabilità dei dispositivi a uso sanitario.

Sanitair propone un’ampia gamma di apparecchi per magnetoterapia: si va dalla linea Mag – disponibile in frequenze diverse – ideale per svolgere la terapia comodamente a casa propria, fino ai materassini che fungono da accessori dei dispositivi generatori di campi magnetici.

Ogni prodotto dispone dell’idoneo certificato CE ed è acquistabile anche online; viceversa, è possibile fissare un appuntamento direttamente in negozio, per farsi illustrare dai tecnici le funzionalità dell’apparecchio.

Cura e manutenzione dell’apparecchio per magnetoterapia

Come per tutti i dispositivi, anche quelli per la magnetoterapia richiedono cura e manutenzione, in modo da garantirne il buon funzionamento e la massima longevità.

Per la cura e la manutenzione gli apparecchi per magnetoterapia bisogna tener conto di due parametri fondamentali:

  1. Il controllo del funzionamento

  2. La pulizia dell’apparecchio

Rispetto al primo punto, la procedura di controllo standard prevede: l’accensione dell’apparecchio (nel rispetto delle indicazioni riportate nel manuale), l’attivazione di uno dei programmi disponibili e l’utilizzo dell’apposito magnete fornito in dotazione per verificare il corretto funzionamento del dispositivo.

Se avvicinando il magnete all’apparecchio quest’ultimo vibra, allora significa che è tutto a posto, mentre in caso di mancata vibrazione è consigliabile contattare il produttore per procedere a un controllo più approfondito e a un’eventuale sostituzione.

Per quanto riguarda, invece, la pulizia, le principali raccomandazioni consistono nell’utilizzare un panno asciutto, pulito e morbido (sono quindi sconsigliate le spugnette abrasive). Nel caso in cui il dispositivo risulti molto macchiato o comunque sporco, si può usare una pezzuola imbevuta con una soluzione di acqua e alcool al 20%.