Prodotti

I vantaggi della bicicletta per gli anziani

Pubblicato il 27/08/2019

  • 0

Alcune cose che si imparano da piccoli non si dimenticano più. Incluso il saper andare in bici, un esercizio fisico che si può svolgere quotidianamente, anche quando si è arrivati ormai alla terza età. Andare in bicicletta, infatti, presenta numerosi vantaggi per gli anziani, tra cui i più importanti riguardano il mantenimento del tono fisico e muscolare.

La bici è un prezioso alleato contro la sedentarietà e la solitudine, due problemi in cui spesso incorrono gli anziani e che sono ascrivibili a vere e proprie patologie.

Restare sempre in casa è un’abitudine nociva: la mancanza di esercizio fisico può portare all’insorgenza di disturbi anche gravi, tra cui:

- obesità
- difficoltà circolatorie
- atrofia muscolare
- carenze vitaminiche.

La riduzione dei contatti sociali e il conseguente isolamento può condurre facilmente alla depressione.

Andare in bici, invece, permette di mantenere il proprio fisico tonico, di stare all’aria aperta e frequentare più facilmente amici e parenti.

Gli accorgimenti da adottare per un efficace esercizio fisico

I vantaggi della bicicletta per gli anziani sono molti; tuttavia, non bisogna dimenticare che non si è più agili e scattanti come un tempo e che quindi è opportuno adottare alcuni semplici accorgimenti per svolgere esercizio fisico in modo sicuro. Un elemento da non sottovalutare, per esempio, è la scelta della bici: il mezzo, infatti, deve essere adatto alle proprie esigenze motorie e alla propria costituzione fisica, altrimenti si rischia di compiere sforzi inutili e dannosi per le articolazioni.

Vantaggi della bicicletta per gli anzianiÈ inoltre buona norma scegliere percorsi poco affollati e lontani da strade trafficate, indossare sempre il casco e mantenere una velocità ridotta: anche se la forma fisica è ancora buona, non bisogna trascurare il fatto che i riflessi non sono comunque più quelli di un tempo e che quindi è sì importante andare in bici, ma occorre farlo in situazioni protette.

Per gli anziani che vivono in luoghi in cui la maggior parte delle strade è in salita, una valida soluzione può essere la bicicletta elettrica, che grazie alla pedalata assistita permette di compiere le salite senza fare sforzi eccessivi. Quando si è in piano, invece, è meglio lasciare da parte ogni aiuto meccanico, in modo da svolgere effettivamente l’esercizio fisico utile al benessere dell’organismo.

Prima di intraprendere una nuova attività fisica come la bicicletta, comunque, consigliamo di chiedere consulto al proprio medico. 

Andare in bici in totale sicurezza

Oltre alle indicazioni sopracitate, come l’utilizzo del casco, il mantenimento di una velocità ridotta e l’evitare strade troppo affollate, ci sono altri piccoli suggerimenti da seguire per poter utilizzare la bici in totale sicurezza, a qualsiasi età. 

Ad esempio, è fondamentale applicare alla propria bicicletta la luce anteriorebianca – e quella posteriore – rossa (tra l’altro oggi obbligatorie per legge) e lo specchietto retrovisore, in modo da avere una visuale più ampia ed essere sempre visibili dagli automobilisti, oltre che il campanello, per farsi sentire dai pedoni. 

Si consiglia anche di indossare il giubbino catarinfrangente, in particolare nelle ore di buio e durante l’eventuale attraversamento di tunnel e gallerie.

Un ulteriore consiglio per le pedalate in orari e luoghi con poca luce può essere quello di applicare sui pedali e sui raggi delle ruote i catarinfrangenti, in modo da rendersi ancora più visibili agli automobilisti.

Naturalmente, è molto importante prestare totale attenzione alla strada, guidando con entrambe le mani sul manubrio, senza tenere nessun oggetto in mano.

È necessario, inoltre, prendersi cura con costanza della propria bicicletta, portandola periodicamente dal ciclista per un controllo, in particolare per verificare lo stato dei freni e delle ruote.

Articoli correlati

Come si possono aiutare gli anziani

Malattie della terza età

Iscriviti alla Newsletter

Per restare aggiornato su news e offerte

l’informativa