Prodotti

Sindrome da allettamento nell'anziano: effetti sulla salute

Pubblicato il 10/03/2020

  • 0

La sindrome da allettamento (conosciuta anche come sindrome da immobilizzazione o ipocinetica) indica un insieme di sintomi che si manifestano, interessando organi e tessuti, quando una persona, in particolare se anziana, è costretta a trascorrere a letto la maggior parte del tempo per un periodo prolungato.

Nel caso la sindrome di allettamento non venga curata può causare danni molto gravi, determinando una disabilità anche permanente, perché al naturale invecchiamento fisiologico tipico delle persone anziane si aggiunge una riduzione delle funzioni organiche legate al movimento, comportando soprattutto la riduzione dei muscoli e il rallentamento dei riflessi.

Le cause per cui una persona anziana può essere costretta all’allettamento prolungato sono diverse. Tra le principali si possono individuare:

  • artriti di diverso tipo

  • fratture alle ossa e osteoporosi

  • malattie polmonari

  • patologie cardiache

  • patologie neurologiche (ictus, morbo di Parkinson, etc)

  • malattie neoplastiche

I danni causati dalla sindrome di allettamento sono molteplici e possono interessare più organi. I principali sono:

  • Aumento dell’osteoporosi

  • Indebolimento del tessuto muscolare e della relativa forza e funzionalità
  • Trombosi venosa ed embolia polmonare

  • Ipotensione

  • Ristagno dei liquidi pleurici che può portare a infezione polmonare

  • Stitichezza e malnutrizione

  • Incontinenza vescicale e infezioni delle vie urinarie

  • Depressione

  • Lesioni cutanee (piaghe da decubito) o ulcere interne dovute alla costante pressione

La prevenzione dell'allettamento

Per prevenire la sindrome da allettamento è necessario adottare alcuni semplici accorgimenti durante l’assistenza al paziente e, parallelamente, dotarsi degli ausili sanitari e ortopedici adeguati. Tra le buone pratiche da mettere in atto, ricordiamo:

  • Il ripristino – se e quando possibile – delle funzionalità motorie. Anche se l’anziano è allettato è necessario stimolare il movimento, favorendo la postura seduta per migliorare la respirazione e adottando programmi di mobilizzazione passiva. È importante cercare di mobilizzare il paziente ogni due ore circa e fargli alternare almeno 4 posizioni differenti.

  • La formulazione di una tabella oraria per regolarizzare le funzioni corporali

  • L’adozione di una dieta varia ma ricca di frutta e verdura

  • Un’adeguata idratazione (almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno)

  • Cure igieniche, con una particolare attenzione per la cute per la pulizia della cute e per il cambio della biancheria

  • Continua stimolazione del paziente (e di chi lo circonda) al fine di non far perdere la motivazione nel tornare a muoversi: infatti, più a lungo un paziente resta immobilizzato a letto, meno possibilità avrà di risolvere velocemente i problemi causati dalla sindrome ipocinetica. Il morale del paziente e la sua motivazione, in questo caso, giocano un ruolo estremamente importante.

sindrome da allettamento nell anzianoOltre a questi utili suggerimenti, per prevenire (e contrastare) efficacemente la sindrome da allettamento è consigliabile avvalersi di appositi strumenti: gli ausili sanitari. Un aiuto prezioso per chi deve prendersi cura di un anziano allettato o per il paziente stesso.

La mano prensile, per esempio, è una sorta di pinza in alluminio dotata di manico e uncino in plastica che permette di afferrare oggetti anche lontani senza sforzo.

Molto comodo per chi deve trascorrere a letto tanto tempo è anche il vassoio da letto: reclinabile in tre posizioni diverse e munito di gambe pieghevoli, è la soluzione ideale per pranzare o svolgere piccoli lavori manuali che, tra l’altro, hanno anche la funzione di distrarre e stimolare mentalmente il paziente.

Un altro strumento da adottare per prevenire un effetto possibile della sindrome da allettamento, cioè le piaghe da decubito, è il materasso a pressione alternata, oltre ad appositi cuscini e schiume per ridurre la pressione del corpo sulle sporgenze ossee.

Articoli correlati

Anziani che non riescono a camminare

Problemi di deambulazione negli anziani

Iscriviti alla Newsletter

Per restare aggiornato su news e offerte

l’informativa