Prodotti

Difficoltà a respirare dal naso di notte: come affrontare questa problematica

Pubblicato il 14/06/2018

  • 0

Naso chiuso non significa per forza raffreddore. Le cause della difficoltà a respirare dal naso, anche di notte, sono infatti molteplici. Inoltre, pur non essendo grave, il naso chiuso è comunque un disturbo fastidioso, perciò è bene conoscere sia il motivo della congestione nasale sia sapere come si cura.

Le cause della congestione nasale

La difficoltà a respirare dal naso di notte può derivare da diversi fattori, tra cui:

  • Allergie: la congestione nasale, anche notturna, può essere causata da una forma di allergia, magari scatenata da una pianta o da un polline oppure una forma di allergia perenne come quella causata, ad esempio, dalla polvere.

  • Anomalie anatomiche: malformazioni del setto o delle cavità nasali possono causare difficoltà respiratorie, dal momento che impediscono il normale afflusso dell’aria causando un’ostruzione cronica del naso.

  • Virus e batteri: è il caso del classico raffreddore, ossia l’infezione delle prime via aeree. La rinite può trasformarsi da infettiva a batterica e in questo caso alla congestione nasale si accompagna la secrezione di muco giallastro.

  • Anomalie nella risposta vasale: la congestione nasale può essere dovuta anche a una risposta anomala dei vasi sanguigni nei confronti di determinati stimoli esterni, come una variazione di temperatura, un aumento dell’umidità nell’aria, stress o fumo.

Come si cura la congestione nasale notturna

Un rimedio efficace per curare la congestione nasale notturna consiste nell’utilizzare una maschera nasale, un ausilio indicato soprattutto per le persone che si sottopongono a ventiloterapia, un tipo di cura che mira a contrastare l’insufficienza respiratoria.

Difficoltà a respirare dal naso di notteLa maschera nasale viene collegata a un concentratore d’ossigeno che rilascia l’aria necessaria a garantire una respirazione normale al paziente e infatti è adatta in particolare alle persone che soffrono di apnee notturne oppure russano molto.

In effetti, la maschera nasale serve a coadiuvare l’azione dei muscoli dell’apparato respiratorio, laddove questa si dimostra insufficiente a causa di un indebolimento o di un malfunzionamento degli stessi. Il ventilatore, collegato al concentratore d’ossigeno, permette così di rimpiazzare il lavoro di questi muscoli, esercitando una pressione tale da permettere all’ossigeno di arrivare ai polmoni.

Occorre sottolineare che esistono diversi tipi di maschera nasale, in quanto ogni modello si diversifica a seconda delle diverse modalità d’utilizzo: presso negozi specializzati è possibile reperire facilmente l’apparecchio più adatto alle proprie esigenze.

Articoli correlati

Cosa sono le apnee notturne

Segni e sintomi insufficienza respiratoria

Iscriviti alla Newsletter

Per restare aggiornato su news e offerte

l’informativa