Prodotti

Otoscopio: a cosa serve

Pubblicato il 25/08/2020

  • 0

L'otoscopio, anche se molti non ne hanno mai sentito nemmeno parlare, è in realtà uno strumento molto utile nel campo dell'otorinolaringoiatria e della medicina in generale. Ecco di cosa si tratta e a che cosa serve.

Cos'è l’otoscopio

L'otoscopio si utilizza per osservare l'orecchio, in particolare il condotto uditivo esterno e la membrana timpanica. Pur essendo impiegato soprattutto dagli specialisti - cioè gli otorinolaringoiatri – può essere usato anche dai medici di base e dai pediatri, in quanto adatto anche per i bambini. 

L'otoscopio è composto da una base, solitamente in plastica o metallo, munita di batteria, e da una testina, dove si trovano una luce (alogena oppure a LED) e una lente di ingrandimento, per consentire l'osservazione dell'orecchio; la lente può avere diversi livelli di ingrandimento, in modo da consentire al medico di regolare lo strumento in base all'area che deve osservare. All'estremità della testina, inoltre, il dottore appone lo speculum, che viene introdotto nell'orecchio e che può essere cambiato a ogni utilizzo per garantire la massima igiene. 

Otoscopio: a cosa serve

L'otoscopio è uno strumento utile per effettuare un esame accurato dell'orecchio: attraverso il suo utilizzo, il medico può controllare lo stato di salute del condotto uditivo e del timpano, escludendo (o confermando) eventuali anomalie - quali per esempio lesioni o malformazioni -  o rilevando la presenza di corpi estranei oppure di patologie, come l’otite.

Alcuni modelli, inoltre, sono progettati per consentire alcune semplici operazioni, come la rimozione di tappi di cerume o di piccoli corpi estranei inseriti all'interno del canale uditivo. 

L'otoscopio serve anche a verificare le condizioni della membrana timpanica, controllando che alcuni parametri, tra cui colore, posizione, traslucidità, mobilità e luminosità, siano nella norma. 

L'otoscopio è doloroso?

L'otoscopio è assolutamente indolore e, proprio per questo, viene utilizzato sia sugli adulti che sui bambini. Inoltre, permette di eseguire un'operazione diagnostica in tutta sicurezza e con la migliore igiene possibile. 

La micro-otoscopia e l'otoscopia pneumatica

Quando è necessario effettuare un esame più approfondito dell'orecchio, all'otoscopio tradizionale a batteria si preferisce un microscopio binoculare, che permette al medico di controllare l'orecchio esterno e l'orecchio medio con una visuale migliore, con un ingrandimento di circa 10 o 20 volte superiore al classico otoscopio. In questo caso si parla quindi di micro-otoscopia

Un particolare tipo di otoscopio, chiamato otoscopio pneumatico, è invece utilizzato nell'ambito dell'otoscopia pneumatica, che riguarda in particolare la diagnostica di patologie come le otiti medie: serve per monitorarne la progressione (e la guarigione) controllando altresì che non vi sia una persistenza di essudato endotimpanico. Rispetto all'otoscopio classico, quello pneumatico è munito di uno speciale raccordo sul quale viene posizionato un insufflatore a palla. Questo, tramite lo speculum, permette di insufflare aria dentro l'orecchio, valutando così la mobilità della membrana timpanica. In una situazione normale, la membrana si muove liberamente a seguito dell'input dato dal getto d'aria, mentre in presenza di una patologia il movimento risulta alterato; per esempio, si può osservare una ridotta mobilità della membrana oppure una maggiore accentuazione del movimento. Con l'otoscopia pneumatica, quindi, è possibile diagnosticare con maggiore precisione le patologie dell'orecchio medio, anche nei bambini. 

Le soluzioni di Sanitair

Sul sito di Sanitair è possibile acquistare un innovativo otoscopio mini a fibre ottiche: si tratta di uno strumento di alta qualità, che può essere infilato comodamente in tasca così come nella borsa da medico. L'otoscopio consente un'eccellente visione, grazie all'illuminazione a fibre ottiche con lampada alogena allo Xenon XHL a 2,5 v. Lo strumento è realizzato in robusta plastica arricchita con inserti in metallo ed è dotato di una lente di ingrandimento rotante a 3x. Il manico è dotato di scanalature, che consentono una comoda presa e l'innesto dello speculum si caratterizza per un'ottima stabilità. Nella confezione sono inclusi anche un astuccio per riporre lo strumento e 4 specula riutilizzabili. 

Articoli correlati

Che cos'è lo stetoscopio?

Come scegliere il lettino da visita

Il pulsossimetro: cos'è e come funziona

Come usare il termoforo: il calore che fa bene

Iscriviti alla Newsletter

Per restare aggiornato su news e offerte

l’informativa